Università per sviluppo territori

Università per sviluppo territori

Università per sviluppo territori

Il PNRR rappresenta un’occasione di disporre di un orizzonte politico-programmatico di medio periodo, che individua obiettivi strategici e priorità in relazione ad un piano di investimenti e riforme con pochi precedenti nella storia del nostro Paese. Innovazione, transizione ecologica e coesione sociale e territoriale rappresentano i cosiddetti assi strategici che dovranno guidare le policy pubbliche italiane, nei prossimi anni. Questi obiettivi strategici intersecano il ruolo delle università e delle istituzioni della ricerca, oltre che quello del sistema dell’istruzione, e il loro coerente perseguimento pone questioni fondamentali sull’orientamento delle policy in questo ambito.

La missione 4 del PNRR, nella sua parte dedicata al sistema universitario, presenta innumerevoli misure di grande interesse. Il documento che si presenta presta particolare attenzione agli interventi di sistema e a quelli volti alla riduzione dei divari territoriali, sociali, digitali e di genere. Si ritiene infatti che, a dieci anni dall’entrata in vigore della cosiddetta riforma Gelmini, siano maturi i tempi per avviare un confronto costruttivo teso ad affrontare distorsioni e criticità strutturali dell’attuale assetto. Più specificamente, si intende qui sottolineare il rischio che, in assenza di politiche attive volte a valorizzare l’autonomia responsabile degli atenei e a riformare i meccanismi di allocazione delle risorse, l’implementazione delle misure del PNRR possa amplificare, anziché ridurre, i divari tra gli atenei lungo diversi assi: centro-periferia, grandi-piccoli, Nord-Sud.

Il presente documento, affermando con forza il valore intrinseco di un sistema universitario diffuso, ha l’obiettivo di aprire una discussione su questi temi anche attraverso la proposta di una serie di azioni di policy. Il documento, dal titolo “Le Università per lo sviluppo dei territori”, è frutto di un lavoro congiunto di un gruppo SVIMEZ coordinato da Gaetano Vecchione (Università di Napoli Federico II) e formato da Bianca Biagi (Università di Sassari), Alberto Felice De Toni (Università di Udine), Alessandra Faggian (Gran Sasso Science Institute), Mauro Fiorentino (Università della Basilicata), Lorenzo Marrucci (Università di Napoli Federico II), Giacomo Pignataro (Università di Catania e Politecnico di Milano), Aurelia Sole (Università della Basilicata), Giuseppe Vanoli (Università del Molise), Santo Marcello Zimbone (Università Mediterranea di Reggio Calabria).

 

Documento Gruppo di Lavoro SVIMEZ sull'Università

Nota Stampa

Rassegna SVIMEZ Università

Articoli correlati

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close