Mobilità al Sud, seminario rinviato

Mobilità al Sud, seminario rinviato

Mobilità al Sud, seminario rinviato

Il rafforzamento delle infrastrutture è un asse strategico per il rilancio dell’economia
meridionale. Un’efficiente rete di trasporti può esaltare quel ruolo di cerniera che il Mezzogiorno
dovrebbe svolgere nel Mediterraneo, in virtù di una posizione geografica invidiabile,
anche per aumentare e velocizzare gli scambi interni al Paese. Su questi temi la SVIMEZ ha organizzato, d'intesa con la Rivista Giuridica del Mezzogiorno, un seminario che si terrà giovedì 27 giugno.
Secondo gli organizzatori "una maggiore accessibilità ferroviaria del Mezzogiorno nel suo complesso (che significa, tra l’altro, minori costi di trasporto per imprese e famiglie) richiede il completamento
delle infrastrutture e il miglioramento del servizio. Investire in infrastrutture nel Mezzogiorno
non è solo un’esigenza per la crescita del territorio. Si tratta di una questione ben più ampia,
che si collega a diritti fondamentali, garantiti dalla Costituzione, e riconducibili al criterio
dell’uguaglianza delle opportunità: diritto alla mobilità, uguaglianza di accesso ai servizi essenziali,
ai mercati nazionali e internazionali, alle informazioni.
Il focus del Seminario sarà incentrato sulla connessione fra programmazione delle infrastrutture
e sviluppo socio-economico dei territori “serviti”.
In particolare si approfondiranno i seguenti temi:
- il ruolo delle infrastrutture e dei trasporti e, più in generale, delle reti, sulla crescita
economica del Sud nel contesto italiano ed euromediterraneo;
- il ruolo dell’accessibilità e della mobilità nello stimolare il miglioramento del welfare,
l’efficienza produttiva, l’inclusione sociale e la crescita economica;
- l’interconnessione con il trasporto pubblico locale, le Zone Economiche Speciali, la
logistica e l’intermodalità nel trasporto delle merci, ed anche con l’accessibilità turistica
del territorio e il ruolo della mobilità turistica sullo sviluppo locale;
- il ruolo delle stazioni lungo la tratta Napoli-Bari, in particolare delle nuove stazioni
già realizzate (Napoli-Afragola) o in via di realizzazione (Hirpinia), del loro posizionamento
sul territorio, della loro accessibilità e delle trasformazioni urbane che esse vanno a determinare.

 

 

 

Programma Seminario SVIMEZ mobilità Sud

 

 

 

 

Articoli correlati

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close