Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Quaderno SVIMEZ n. 51 - L’infittimento delle autostrade del Mare Nostrum
 
Quaderno SVIMEZ n.51

 

 INDICE

 

Presentazione di Emanuele Grimaldi
 
Prefazione di Adriano Giannola
 
Introduzione di Ennio Forte
 
CAPITOLO I. Nuove frontiere di approccio ai modelli Northern-Southern range nei flussi di merci interessanti l’Unione europea
1.1. Northern range vs. Southern range
1.2. Le Infrastrutture dell’economia del mare nel Mediterraneo
1.3. L’importanza del modello Euro-Mediterraneo
 
CAPITOLO II. Logistica economica e sviluppo
2.1. Le nuove frontiere del commercio globale
2.2. La cultura logistica in Italia e nel mondo
2.3. Logistica e valore
 
CAPITOLO III. L’infittimento delle linee marittime short sea nel bacino mediterraneo per competere con il Northern range
3.1. Lo scenario
3.2. La situazione della portualità intermedia in Italia
3.3. Infittire le linee per ribaltare i flussi
 
CONCLUSIONI
 
APPENDICE. Le Zone Franche Urbane come potenziali fattori di sviluppo dei porti di Napoli e Torre Annunziata attraverso l’economia della retroportualità
 
BIBLIOGRAFIA
 

Il volume di Ennio Forte è preceduto da una Presentazione di Emanuele Grimaldi, Presidente Confitarma, e da una Prefazione di Adriano Giannola, Presidente SVIMEZ, secondo il quale “il modello euro-mediterraneo è vincente nel medio periodo”. Per Giannola, “l’innovazione logistica dei processi industriali e la rinnovata portualità dovranno concorrere alla ripresa del Sud”.
Nel Quaderno 51 si mette in evidenza come il mondo attuale abbia vissuto una rivoluzione iniziata nel corso degli anni ’50 del secolo scorso, sintetizzabile nell’avvento del container, inventato all’inizio dello scorso secolo e progressivamente introdotto fino a dominare completamente l'attività dei trasporti della quale è divenuto una sorta di simbolo identitario.
In questo contesto globalizzato che ormai definisce chiari percorsi evolutivi, il lavoro di Ennio Forte, con originalità non scevra da elementi di provocazione, sviluppa una accurata e suggestiva analisi finalizzata a mostrare come in concreto il modello euro-mediterraneo (Southern range) potrebbe raggiungere e superare quello euro-centrico (Northern range) oggi dominante. Attualmente, infatti, a dominare la scena anche nelle rotte mediterranee è il modello del Northern range fondato sul deep sea, che prevale nonostante l'handicap della distanza.
Il volume di Forte, a parere del Presidente SVIMEZ Giannola, dimostra come sia possibile vincere la scommessa di rendere competitivo il Southern range euro-mediterraneo, in quanto il Sistema portuale italiano sarebbe particolarmente favorito in forza della nostra posizione privilegiata nella geografia dei flussi.
La ricerca di Forte volge uno sguardo particolare alle opportunità del Mezzogiorno, particolarmente vocato a sviluppare i tratti pluri-modali del modello euromed ed evidenzia al contempo come lo sviluppo del trasporto combinato sia condizionato attualmente dalla carenza di una rete infrastrutturale capace di organizzare il complesso processo logistico relativo sia al sistema di trasporto sia ai servizi funzionalmente legati alla movimentazione delle merci.
Nel volume, che si è avvalso dei consigli del professor Lucio Siviero e del dottor Delio Miotti, si discute perciò sulla necessità, all’interno dei porti, di sviluppare le attività logistiche a valore, puntando a strutturare le funzioni tipiche dei distripark; posizionati in genere dietro i grandi porti: di solito nelle cosiddette (ZES) “Zone Economiche Speciali”, dove valgono particolari agevolazioni fiscali e doganali, e al cui interno si svolgono attività connesse con la lavorazione logistica delle merci e la loro distribuzione.
 
Scarica qui il volume
 
La rassegna stampa
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850