Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

L’assetto del territorio rappresenta una delle principali risorse che nell’era della globalizzazione consente ai processi di sviluppo di manifestare tutta la loro forza e dinamicità.
Il rilevante livello di interconnessione e l’apertura dei mercati, l’assenza di protezioni nazionali, e l’iper-competizione geografica hanno, infatti, portato le strutture urbane a concentrare competenze, investimenti e know-how, divenendo veri e propri poli in grado di generare innovazione, valore aggiunto e lavoro.
A questo fenomeno non è estraneo il nostro Paese, dove al perdurante divario macroterritoriale fra Centro-Nord e Mezzogiorno si sta affiancando anche un’ulteriore disuguaglianza relativa ai territori metropolitani localizzati nell’area Centro Settentrionale (valga per tutto la concentrazione a Milano di risorse, investimenti e poteri) e l’emarginazione dai grandi flussi internazionali delle pur rilevanti metropoli meridionali.
L’evoluzione tecnologica delle reti - alta velocità ferroviaria, larga banda, ecc. – e glieffetti della competizione sui servizi basati nelle città (basti ricordare il low cost aereo, Car sharing, B&B etc.) conferiscono al territorio e alle infrastrutture un ruolo ancora più decisivo nel determinare il livello e la dinamicità dello sviluppo socio-economico.
Infine la manutenzione dei manufatti e del suolo è oggi una pre-condizione per realizzare progetti di rigenerazione urbana e ambientale. Anche in questo caso, per ragioni oggettive o per una cattiva gestione, il Mezzogiorno si trova a dover affrontare con meno strumenti maggiori problemi come la vulnerabilità sismica, l’abbandono delle aree interne e conseguente dissesto ambientale, la gestione delle risorse base (acqua, parchi, rifiuti etc.) o la lotta all’inquinamento.
Dalle Proiezioni territoriali del Progetto ’80 le istituzioni nazionali non si sono più date un disegno tendenziale dei sistemi territoriali e, più di recente, la frammentazione dei poteri territoriali ha reso molto difficoltosa la possibilità di sviluppare visioni condivise sull’evoluzione del sistema insediativo.
Per ritrovare il quadro di riferimento e tracciare possibili indicazioni per il miglioramento del contesto territoriale, la “Rivista giuridica del Mezzogiorno” torna ad affrontare una problematica che proprio la SVIMEZ ha particolarmente curato nella convinzione che le politiche di sviluppo per il Mezzogiorno dovessero esser definite su base territoriale, pur senza indulgere a forme di corporativismo localistico.
Il Seminario, a tal proposito, individua come specifici argomenti di discussione due grandi assi: il sistema delle città e degli insediamenti, e la struttura delle relazioni logistiche e infrastrutturali.
Sulla prima tematica l’approfondimento riguarderà essenzialmente:
- il ruolo nelle politiche di sviluppo delle metropoli meridionali, intese come poli forti di accumulazione ma al tempo stesso aree delle maggiori diseguaglianze e contraddizioni sociali;
- il sistema di medie città che in parte hanno saputo rispondere meglio alla necessaria riqualificazione, sia fisica che sociale, divenendo punto di riferimento nazionale di particolare interesse (basti pensare a Salerno, Lecce, Matera, Siracusa, ecc.);
- le aree interne, soprattutto quelle appenniniche, che costituiscono ancora la parte più debole del territorio meridionale, ma che vedono una crescente attenzione in termini di politiche e di investimento.
Per quanto attiene la seconda importante tematica da discutere, il Seminario è centrato sulla necessità di creare il sistema delle reti e delle infrastrutture, e l’approfondimento riguarderà:
- il sistema e i servizi logistici quale meccanismo fondamentale per determinare un effettivo miglioramento dell’accessibilità e delle dotazioni del territorio meridionale;
- il sistema ferroviario, che costituisce nelle sue varie componenti l’infrastruttura a servizio dell’integrazione territoriale, sia con l’alta velocità che soprattutto con le ferrovie regionali e locali;
- il sistema dei porti, di cui il Mezzogiorno è particolarmente dotato, e che vede nella riforma Delrio una organizzazione più adeguata ad affrontare la competizione internazionale dei flussi marittimi.
Sempre in campo infrastrutturale, nel Seminario verrà trattato il tema della perequazione infrastrutturale, tema politicamente rilevante nella logica delle iniziative meridionalistiche.
Il programma
Slides dell'intervento di Alessandro Bianchi
Slides dell'intervento di Giovanni Cafiero
Slides dell'intervento di Roberto Gallia
 
Tele Norba - TG Norba 24 del 3 luglio 2017
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850