Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Presentazione Rapporto SVIMEZ 2018 L'economia e la società del Mezzogiorno
Tutti i materiali
La situazione del Mezzogiorno emersa dal Rapporto SVIMEZ 2018
Intervista del Direttore Bianchi a Radio 24 del Sole 24 Ore (8 novembre)
Il Presidente Mattarella ha ricevuto una delegazione SVIMEZ
6 novembre
Ripartizione territoriale del Reddito di cittadinanza
Approfondimento del quotidiano la Repubblica (15 novembre)
Sistema educativo nell’Italia dei dualismi. Una discussione a partire dal “Education&Training Monitor 2017”
Seminario SVIMEZ e Rappresentanza della Commissione europea in Italia (11 settembre)
 
porto 2 Negli anni di crisi 2007-2012 i redditi delle famiglie con un capofamiglia under 35 in cui lavora meno di una persona su due sono scesi al Sud del 24,8%, mentre al Nord sono cresciuti dell’1,7%. Gli ammortizzatori sociali hanno permesso di recuperare il reddito perso per il 16,7% nel Nord-Est e per il 13,2% nel Sud. Se però fosse stata applicata la riforma Fornero, la quota di reddito recuperata sarebbe stata più alta, arrivando al Sud al 19,8%. È quanto emerge dallo studio “Crisi, lavoro, redditi: quali politiche per le famiglie” di Elena Cappellini e Letizia Ravagli pubblicato sulla “Rivista economica del Mezzogiorno”, trimestrale della SVIMEZ diretto da Riccardo Padovani.
 
Condotto su elaborazioni IRPET e dati ISTAT, lo studio prende in esame il ruolo degli ammortizzatori sociali sul recupero del reddito perso per la crisi in Italia negli anni 2008-2012 ed esamina i potenziali effetti della riforma Fornero sui redditi delle famiglie.
 
Comunicato stampa
 
Rassegna stampa
 
 
 
Associazione per lo sviluppo
dell'industria del Mezzogiorno
via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Centralino 06.478501
Fax 06.47850850